Partnership innovativa tra Selena Group e Covestro per la produzione di schiume sigillanti per il settore edile

Selena Group

Selena Group, produttore e distributore globale di prodotti chimici per l’edilizia, e Covestro, fornitore leader a livello mondiale di materiali polimerici ad alta tecnologia, stanno collaborando per sviluppare una formulazione a ridotta impronta di carbonio per il più venduto prodotto di Selena Tytan Professional® Ultra Fast 70. Il prodotto utilizza MDI (metilene difenil diisocianato) innovativo e a basso contenuto di carbonio, un composto chimico organico contenente materie prime di origine bio contabilizzate utilizzando l’approccio del bilancio di massa. Ciò ha contribuito a ridurre l’impronta di carbonio della schiuma di circa il 45%* rispetto alla versione precedente del prodotto che utilizzava materie prime di origine fossile. Questa innovazione mantiene le eccellenti proprietà di isolamento termico del prodotto e contribuisce inoltre a ridurre l’impronta di carbonio incorporata dell’edificio.
Gli sforzi intrapresi dai team di ricerca e sviluppo hanno reso possibile lo sviluppo di una gamma di schiume poliuretaniche monocomponenti con un’impronta di carbonio ridotta che migliorano l’efficienza energetica degli edifici. La schiuma Tytan Professional® Ultra Fast 70 – ben nota ai costruttori, caratterizzata da una resa notevole fino a 77 litri per lattina e un tempo di taglio brevissimo di soli 20 minuti – ora incorpora il 30% di MDI bioattribuito calcolato utilizzando l’approccio del bilancio di massa, certificato ISCC Plus, che certifica l’utilizzo di materie prime di origine bio e la loro precisa allocazione nel processo produttivo. La schiuma è stata utilizzata con successo per l’installazione di finestre e porte, soprattutto in progetti che richiedono un montaggio rapido e un’elevata efficienza dei lavori di costruzione. Ora, a seguito dell’evoluzione dei prodotti, è diventato ancora più rispettoso dell’ambiente riducendo significativamente l’impronta di carbonio incorporata negli edifici.
“Oggi, un business sostenibile non necessita più di compromessi tra efficienza e qualità. Questa affermazione è perfettamente evidenziata dalla nostra ultima soluzione: con la stessa composizione molecolare, il contenuto di origine bio non influisce sulla qualità o sulle proprietà del prodotto finale, rispettando rigorosi standard ambientali e rispondendo alle tendenze future. Questa è una prova reale del successo della collaborazione tra due produttori internazionali che puntano all’innovazione”, ha affermato Mirosław Truchan, Responsabile della divisione marketing porte e finestre del gruppo Selena.
Il team di R&D di Selena vanta una lunga esperienza di risultati, con particolare attenzione alla sostenibilità come risposta alle sfide legate alla decarbonizzazione delle costruzioni entro il 2050. Il Gruppo ha inoltre creato la sua materia prima posta sotto brevetto – Bioselenols® – poliestere poliolo, 100% bio- utilizzato in un altro prodotto dell’azienda: la schiuma Tytan Professional® Low-Ex Green. Gli sforzi delle due società sono in linea con i principi del Green Deal europeo, Fit for 55 e con l’obiettivo generale di raggiungere la neutralità da carbonio nel settore dell’edilizia entro il 2050.

*Ridotta impronta di carbonio della schiuma Ultra Fast 70 con MDI a bilancio di massa e bioattribuita rispetto allo stesso prodotto con MDI stan-dard di derivazione fossile; impronta di carbonio calcolata per il ciclo di via cradle-to-gate.

SCARICA ARTICOLO IN PDF